venerdì 13 aprile 2012

LA FUNZIONE SEGRETA - LA PIRAMIDE "MARZIANA"

Quando nel 1976, il modulo orbitale Viking 1 scattò le prime foto delle piramidi di Marte, ubicate nella cosiddetta regione di Cydonia, la NASA non perse tempo a definirle “un’illusione ottica”. Eppure, l’astronomo Tobias Owen, esaminando e commentando il famoso frammento 35A72 stava spalancando le porte ad un nuovo accesissimo dibattito tra scuole di pensiero.
Le piramidi di Cydonia sono davvero “un’illusione” come sostiene la NASA oppure sono una realtà inconfutabile come gli studiosi indipendenti hanno dimostrato?

Nel suo “L’enigma di Marte”, Graham Hancock - con l’ausilio di Robert Bauval e John Grigsby - ha alimentato la discussione sulla Piramide D&M proponendo, tra l’altro, l’accurato studio scientifico eseguito dall’americano Erol Torun. Il cartografo e analista di sistemi, infatti, dimostrò - esaminando l’altro sconcertate fotogramma 70A13 - che la struttura piramidale a base pentagonale produceva costanti matematiche uniche, come gli angoli di 30°, 60° e 90° e l’angolo tetraedrico di 19,5°.



La scelta della forma geometrica - che caratterizza la base della Piramide marziana - propone, inoltre, un’intrinseca riflessione teosofica. Non a caso, la forma pentagonale è considerata Sacra. In essa, i Pitagorici hanno dimostrato l’esistenza di riferimenti alla misurazione matematica conosciuta come Sezione Aurea.

Pertanto, l’insieme di elementi scientifici e teosofici - connessi ai valori matematici, integrati perfettamente nella costruzione di Cydonia - evidenziano, senza tema di smentita, che la Piramide D&M ha natura artificiale ed è destinata ad una funzione ben precisa!

Le piramidi e le forme geometriche

Esaminando le piramidi di Gizah e di Cydonia, si notano delle peculiarità oggettive che autorizzano una diversa ricerca delle reali funzioni cui sono state destinate nella notte dei tempi.

La Piramide D&M, infatti, oltre ad essere la più grande e complessa tra le strutture esistenti nella famosa regione di Marte, sembra essere l’unica ad avere una base pentagonale. Le altre strutture artificiali a forma piramidale presenti nella zona, infatti, non presentano la medesima caratteristica. Considerando che i costruttori della D&M hanno inserito dei valori tecnico-scientifici che la rendono molto simile alla Grande Piramide di Gizah, il confronto appare inevitabile.

Ma quale funzione nascondono le due Piramidi?

L’elemento più interessante, al di là delle caratteristiche fisiche dei due monumenti, è la scelta del poliedro che forma la base delle due piramidi. La Grande Piramide ha una base di quattro lati, mentre la Piramide D&M ne ha cinque: questa diversità architettonica nasconde un progetto interplanetario? Un modello originario di orientamento spazio-tempo che coinvolge l’intero sistema solare? La scelta dei poliedri alla base delle due piramidi non è casuale. Essa è intimamente collegata alla disposizione della Terra e di Marte nel Sistema Solare.
Per orientarsi in un ambiente del quale non si conoscono le caratteristiche, è necessario costruire dei “ponti” che - oltre a comunicare le proprietà geofisiche dei pianeti che ospitano la vita - indicano l’esatta posizione nel relativo Sistema Planetario. Pertanto, risalendo il nostro Sistema Solare e, considerando la Fonte di Energia, possiamo osservare la sequenza: 1) Sole, 2) Mercurio, 3) Venere, 4) Terra, 5) Marte…
La Terra è il quarto pianeta del sistema solare (piramide a base quadrata) mentre Marte è il quinto (piramide e base pentagonale).


Le Piramidi… riflettono

Le cronache degli antichi storici raccontano della magnifica impressione destata dal fenomeno di riflessione solare dovuta alla copertura, in pietra calcarea, delle Piramidi di Gizah. Ancora oggi, la Seconda Piramide - quella attribuita convenzionalmente al faraone Chefren - conserva intorno al proprio vertice parte della copertura. Immaginiamo solo per un momento quale magnifico spettacolo si presentava agli occhi dell’osservatore quando si avvicinava a Gizah! Purtroppo, all’indomani del terremoto del 1.301 a.C. (fonte: “Impronte degli Dei” pag. 369) la copertura delle Piramidi è stata utilizzata per ricostruire i quartieri de Il Cairo e quindi “l’effetto stellare” è andato perduto per sempre.
Anche osservando le foto scattate recentemente con il sistema Thermal Emission Imaging System (THEMIS) dalla navicella Mars Odyssey da un’altezza variabile tra i 53,4 ed i 22,5 km. di altezza, si nota che, su ciascun lato della Piramide D&M, sono ancora presenti i residui della copertura che la rendeva “riflettente” alla luce del sole.
Ancora un’analogia, dunque, sembra unire le Piramidi di Gizah e la Piramide D&M. Esse conservano residui di copertura che le rendevano luminose e visibili… dall’alto!
Come vedremo, l’effetto “riflettente” non era collegato alla Religione Stellare in uso tra gli Egizi di epoca Dinastica (che ne hanno mutuato la funzione religiosa in linea con il “sapere” dell’epoca), bensì ad un’esigenza meramente tecnico-scientifica.


I Punti Scatteratori

All’interno della Grande Piramide, e precisamente sopra la cosiddetta Camera del Re, c’è una struttura che ha sempre catturato l’attenzione degli studiosi: lo Zed. La sua funzione è soggetta a varie interpretazioni. Estremamente interessante è il risultato delle ricerche effettuate dall’ingegnere acustico Tom Danley, il quale ha dimostrato che la Grande Piramide emette infrasuoni ad una frequenza di 16Hz in una tonalità di fadiesis. Di rilievo, sono gli studi effettuati dall’ingegnere Chris Dunn, che ha attribuito alla Grande Piramide una funzione di accumulatore di energia acustica ed elettromagnetica che si propaga nello spazio attraverso i cunicoli per essere captata da satelliti messi in orbita da una civiltà perduta.


Secondo la mia ipotesi - definita PPS (Planets Progressive Sequence) - e gli studi di Danley e Dunn, la Grande Piramide rivela le seguenti caratteristiche:

1) indica che il Pianeta Terra è il quarto del Sistema Solare;
2) è un trasmettitore di onde elettromagnetiche ed acustiche;
3) è visibile dall’alto grazie alla sue caratteristiche riflettenti.

A sua volta, la Piramide D&M include le seguenti caratteristiche:

1) indica che il Pianeta Marte è il quinto del Sistema Solare;
2) è visibile dall’alto grazie alle sue caratteristiche riflettenti.

Questi elementi comuni introducono la funzione tecnica a cui erano state destinate le Piramidi di Gizah e la Piramide D&M di Cydonia.

Esse erano dei “ponti” che comunicavano le informazioni tecnico-scientifiche - e geofisiche in particolare - a chi si avvicinava ai due pianeti, così come oggi i “punti scatteratori” inviano informazioni ai satelliti in orbita.

I “Punti Scatteratori” sono dei ponti luminosi - generalmente posti nelle aree a forte variazione climatica o ai limiti tra la terraferma ed il mare - che comunicano informazioni ai satelliti.


Le Piramidi di Gizah e la Piramide D&M (sul cui lato orientale si evidenzia una depressione tipica delle zone marine) erano originariamente destinate a questa funzione, prima di essere riciclate (almeno quelle terrestri) in “più accademiche” tombe faraoniche.

In tempi remoti, un popolo sconosciuto ed altamente tecnologico, dunque, ha mappato i due pianeti su cui si è sviluppata la vita, ed ha sintetizzato le conoscenze scientifiche e geofisiche nelle straordinarie Piramidi di Gizah e di Cydonia.

FONTE: Progetto Tau-T

Nessun commento:

Posta un commento