venerdì 24 febbraio 2012

SCOPERTA UNA ENORME PIRAMIDE EUROPEA

L'esistenza, sul continente europeo, di una civiltà originaria che precede le civiltà Medio orientali, è stata in larga misura ignorata dagli scrittori di storia tradizionali, in particolare quelli che scrivevano durante il periodo dominamnte della era cristiana in Europa.

Ciò era in gran parte la conseguenza dei pregiudizi giudaico-cristiani, secondo i quali tutta la civiltà si è originata esclusivamente nel Vicino Oriente (il Vecchio Testamento si occupa esclusivamente di eventi in Medio Oriente).

Questa non era certamente una riflessione accurata dei fatti, in quanto in molte parti della Europa settentrionale e occidentale, società relativamente avanzate erano nate prima o contemporaneamente alle civiltà mesopotamiche o egizie.



Anche se è certamente vero che le grandi città e gli stati del Vicino e Medio Oriente fossero imponenti realizzazioni, non è corretto considerare queste come gli unici sviluppi di civiltà al mondo in quel periodo.

Ci sono molti edifici enormi - chiamati megaliti - e primi insediamenti neolitici, luoghi di sepoltura, artefatti e anche scritti, che mostrano come gli abitanti d'Europa fossero in una fase avanzate dell'evoluzione della loro società e cultura.

Sin dal 8000 aC, nell'Europa centrale, venne (ri)avviata , quasi simultaneamente alla coltivazione di grano nella valle del fiume della Mesopotamia (detta "Fertile Crescent" [1]), la coltivazione dei cereali in alcuni insediamenti agricoli in Francia e Gran Bretagna. Questi insediamenti, rinvenuti recentemente, sono tra i meglio conservati e la datazione al carbonio ha stabilito che fossero in esercizio già prima del 4000 aC.
In maniera altrettanto significativa, si affermò nei Balcani fin dall'anno 5000 aC - circa 2000 anni prima della prima civiltà Mesopotamica - la lavorazione del rame.



Nell'Europa Neolitica, dove il legno era abbondante, sono state costruite case con travi rettangolari. Alcuni avevano due camere e persino tetti spioventi. I resti trovati in Svizzera, datati intorno al 5000 aC, dimostrano che anche su terreno soffice o paludoso, i costruttori erano in grado di costruire le case che appoggiavano su fondazioni in legno o su pali che andare in profondità nel terreno.

Fin dal 5000 aC, gli insediamenti neolitici assunsero lo schema di villaggi, agglomerati urbani ed, in alcuni casi, anche di città, sparse in tutta Europa fino alla Russia occidentale e meridionale.

Fattorie sono stati rinvenute in tutto il continente europeo ed alcuni dei siti meglio conservati sono stati trovati in Irlanda.

Questi primi fattori neolitici coltivavano ​​ cereali, e avevano animali domestici come maiali, bovini e cani.
I loro utensili e le armi da caccia erano per lo più fatto di selce.
Le loro case erano di legno. I vestiti erano fatti di cuoio, e vi è anche la prova di tessitura.
Altri piccoli utensili erano fatti di corno ed osso, e sono stati ritrovati molti esempi di ceramica piuttosto sofisticata.

In molte parti d'Europa, i resti più antichi di questa era sono i megaliti ("grosse pietre") che possono aver avuto uno scopo religioso o ricreativo.
Massicci blocchi di pietra e a volte legno, vennero spostati per grandi distanze ed eretti in aree scelte in tutta Europa, dalla Gran Bretagna attraverso tutto il continente, alcuni addirittura fino al Mar Nero - nel sud della Russia - con stupende realizzazioni.
Il più famoso di questi siti megalitici è Stonehenge nel Wiltshire, in Inghilterra.

“Lux et Orient”
"Tutta la luce viene dall'Oriente" è stato per secoli il dogma del cristianesimo, con il quale si stabiliva che tutto il progresso e la civiltà fossero venuti dal Medio Oriente.
Con accurati metodi di datazione e intensificato la ricerca archeologica, è stato invece dimostrato che civiltà avanzate fiorono in Europa migliaia di anni prima che simili progressi tecnologici fossero stati raggiunti in Medio Oriente.

La Piramide bosniaca, la collina Visocica, è la prima piramide ad essere stata scoperta in Europa e si trova nel cuore della Bosnia, nella città di Visoko. La piramide possiede tutti gli elementi classici di questo tipo di costruzioni: quattro lati perfettamente inclinati che puntano verso i punti cardinali, una cima piatta e un ingresso complesso.

Vista la sua somiglianza con la Piramide del Sole di Teotihuacan, in Messico, è stata chiamata la "Piramide bosniaca del Sole". Nel sito ci sono anche quattro strutture più antiche, la Piramide bosniaca della Luna, la Piramide bosniaca del Drago, Piramide bosniaca dell'Amore e il Tempio della Terra, con un ingresso pavimentato e tunnel sotterranei










FONTE: article safari



Nessun commento:

Posta un commento